Tre anni dopo il suo lancio, Google ha reso oggi ufficiale un suo progetto. Project Fi si sta trasformando in qualcosa di un po ‘più ambizioso e sta ottenendo un nuovo nome nel processo: Google Fi. Ma la notizia più grande è che supporterà anche più telefoni – molti telefoni – tra cui l’iPhone e “la maggior parte dei dispositivi Android”.

Questa non è la prima volta che Fi ha funzionato con i dispositivi Apple; in precedenza è stato possibile ottenere una SIM di soli dati per iPad come dispositivi secondari. E tecnicamente, una SIM Fi ha sempre funzionato su un iPhone, a patto di aver regolato le impostazioni dei dati sul telefono. Ma ora Google supporta gli iPhone direttamente per i nuovi clienti, anche se afferma che il supporto è in versione beta e richiede “alcuni passaggi aggiuntivi per essere configurato”. Ci sarà una nuova app Google Fi iOS per facilitare il processo.

Più nello specifico, scoprirai che Visual Voicemail non funzionerà più, ma iMessage lo farà. iOS non estrae automaticamente le giuste connessioni MMS e dati, ma funziona con poche copie e incolla nelle impostazioni.

Per i telefoni Android, l’installazione dovrebbe essere molto più semplice. Pur andando con Fi anziché con un operatore più tradizionale, devi essere consapevole che tutto il supporto clienti avviene online o per telefono. Nella mia esperienza, questo non è stato un grosso problema, ma a volte è bello avere un negozio in cui entrare per ricevere aiuto di persona.

Ma cos’è Google Fi?

Google Fi è un MVNO, che sta per “operatore di rete virtuale mobile”. Ciò significa che il tuo servizio effettivo proviene da corrieri più grandi; Fi utilizza T-Mobile, Sprint e US Cellular come backbone. Tuttavia, solo pochi telefoni (come i Pixel e altri che Google vende) sono in grado di passare dinamicamente tra le reti di tali gestori. Il resto tende a utilizzare la rete di T-Mobile, almeno nella mia esperienza.

Qualunque sia la rete su cui ti trovi tecnicamente, Google consente alle persone con telefoni che eseguono Android 9 Pie di instradare i propri dati attraverso la propria VPN . Tuttavia, Google Fi ha ancora qualcosa da fare con gli altri vettori quando si tratta di altre funzionalità, incluso il supporto per RCS Universal Profile per la messaggistica e la condivisione dei numeri per cose come gli smartwatch LTE.

Ma la vera differenza con Fi è il modello di prezzo: è molto più semplice di quello che offre la maggior parte delle altre reti. $ 20 per una linea telefonica e $ 10 per ogni giga di dati che utilizzi – con un limite di $ 60 sotto un nuovo programma che chiama ” Protezione di Bill “. Il motivo per cui mi piace è che puoi ottenere una SIM di soli dati, che non costa denaro aggiuntivo al mese oltre i dati su cui lo si utilizza. Penso che sia una delle migliori offerte in wireless . Ma a seconda delle abitudini dei dati, lo stesso potrebbe non essere vero per te.

Seguici su tutti i social!

One thought on “Project Fi è ora Google Fi: ecco di che si tratta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *