Se vuoi entrare nel mondo della Data Science , quali linguaggi di programmazione dovresti imparare?

Questa è una domanda complicata. Nuovi dati da Cloud Academy suggeriscono che Python è un linguaggio di programmazione sempre più diffuso nel contesto della Data Science. Supera anche R, che molti scienziati di dati hanno utilizzato per i progetti.

In particolare, Cloud Academy ha analizzato le offerte di lavoro per ingegneri informatici; da questa indagine è emerso che il 66% menzionava Python , mentre solo il 18% citava R.

All’inizio di quest’anno, un sondaggio KDnuggets  dei professionisti della tecnologia che utilizzavano sia R che Python ha mostrato che, negli ultimi due anni, c’è stato un lento declino nell’uso di R a favore di Python. Ciò ha fatto eco ad un’indagine separata  di Burtch Works; essa ha rivelato che l’uso di Python tra i professionisti dell’analisi è cresciuto dal 53 al 69 percento nello stesso periodo. Nel frattempo, la base di utenti R si è ridotta di quasi un terzo.

Python è famoso per la sua versatilità e scalabilità, mentre R è molto più specialistico; molti professionisti del mestiere lamentano i suoi problemi di scala. Python sta chiaramente godendo di guadagni significativi tra i professionisti dei dati. Tuttavia la sua ascesa non significa che R sia da buttare nella pattumiera della storia della tecnologia. Infatti, se sei interessato alla scienza dei dati come professione, l’apprendimento di entrambi è la mossa migliore che potresti fare.

“Combinare R e Python è ragionevole e fattibile”, ha detto a Dice all’inizio di quest’anno Enriko Aryanto, CTO e co-fondatore di QuanticMind, sede di Redwood City, California, una piattaforma di dati per il marketing intelligente. “Li eseguiamo entrambi nella nostra piattaforma di scienza dei dati internamente. Ma se stessimo ricominciando da capo la mia carriera oggi, potrei considerare di focalizzarmi su Python piuttosto che su R. È un linguaggio più generale con applicazioni più ampie. “

Sebbene R non abbia lo stesso pubblico di Python, è anche fortemente radicato nelle iniziative esistenti, in particolare quelle accademiche. Ma per quei professionisti della tecnologia che conoscono già Python (o che lo stanno imparando) e che sono interessati a saperne di più sulla scienza dei dati, la lingua più grande può fornire un punto di ingresso. (E nel frattempo, il mercato del lavoro per gli sviluppatori Python rimane estremamente sano).

Se pensi che l’articolo possa essere utile anche ai tuoi amici, condividi l’articolo sui Social, controlla regolarmente il nostro Sito e vieni a trovarci nel nostro gruppo Telegram! Abbiamo inoltre un canale Telegram dove potrai trovare le migliori offerte di Amazon!

Seguici su tutti i social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *